Referendum 12-13 giugno - Parte 2 (Italo-brasiliani)

(English below)

Era un po' che non scrivevo sui referendum - o su altro, a dire il vero. Stamattina mi ha stimolato un bel post di Fábio, un italo-brasiliano che invita le persone di simile origine a votare per il referendum.

I brasiliani di cittadinanza italiana sono numerosi. Il movente è una comune storia di migrazioni transoceaniche che nel 1900 ha portato tanti italiani a cercare miglior fortuna in Brasile. Una delle felici conseguenze è che molti brasiliani discendenti da loro richiedono e ottengono la cittadinanza italiana. Spesso la cittadinanza è richiesta per comodità - il passaporto italiano è davvero ottimo per viaggiare o risiedere all'estero - ma altrettando spesso è un modo per rinnovare parte della propria identità famigliare e culturale.


Gli italo-brasiliani naturalmente hanno il diritto di voto in Italia, che Fábio invita ad esercitare in occasione del referendum. Il suo post fornisce utili informazioni su come votare a mezzo posta - della serie "sembra facile, ma non è, però se te lo spiego...":D. Inoltre, ospita un civile dibattito sulle opzioni di voto, stimolato dalla dichiarazione di Fábio sulle sue preferenze.

Insomma, un'altra iniziativa per il referendum del 12-13 giugno che mi è piaciuta, e che condivido con piacere, sperando invogli più persone ad informarsi e votare!

************************************************************************************
I have not written for quite a bit about our referendum - or about anything else, to be honest. This morning I felt motivated by a beautiful post by Fábio, an Italo-brazilian citizen who invites people with similar orgins to cast their vote for the referendum.

There are several Brazilians with Italian citizenship. This is because of a common history of transoceanic migrations that brought many Italians to Brazil in search of a better future in the 20th century. A happy consequence of this is that many Brazilians of Italian descent request and obtain Italian citizenship. Often they request it out of practical mativations - the Italian passport is a really good option for travelling or living abroad - but equally often it helps to renew one's family and cultural identity.


Italo-brazilians have the right to vote in Italy, which Fábio invites to exercise for our next referendum. His post gives useful information on how to vote via mail - here we go again: "it seems easy, and it's not, but if I give you a couple of insights..." :D. Fábio's post also hosts a civil debate about how to cast one's vote, a debate started by Fábio's choice to declare his own choices.

Well, another initiative for the 12-13 June referendum that I really much enjoyed and happily share. I hope it will convince more people to get informed and vote!

4 commenti:

Marcelo Pace ha detto...

Grazie Mari per il post. Lunedí andrò all'ambasciata italiana qui a Helsinki per capire meglio cosa potrei fare. Il blog di Fábio è stato veramente utile per quelli come me che sono lontani da tutto ciò che sta accadendo in Italia e nn hanno famiglia vivendo lì. Un bacione.

Mari ha detto...

Ooo, Marci! Bravissimo! Neanche io sono molto informata sul voto per corrispondenza, ed in effetti il post di Fábio è stato davvero utile anche a me.

Vai in ambasciata, vedi cosa ti dicono, è un tuo diritto. E i referendum sono davvero importanti. Grazie! Un bacione.

Fabio "Saga" Barbiero ha detto...

Salve Mari

Dio bono, sono contento che in qualche modo ho potuto aiutarvi a chiarire i punti oscuri (davvero oscuri) del referendum.

Saluti a tutti e tante, tante, tante buone cose!!!

Mari ha detto...

Fabio, si, davvero utile. Io neppure so come si vota per posta, mai fatto.. grazie! E tante buone cose anche a te!